Mysteria - altre dimensioni

La composizione pluripoliedrica dell'universo

 

E’ vero che stiamo vivendo un’epoca in cui domina il pensiero scientifico, ma è anche vero che l’uomo possiede una serie di sfaccettature che proprio scientifiche non sono.

Infatti se pensiamo anche solo al suo inconscio e all’inconscio collettivo, ci rendiamo conto di quante cose non possono essere provate scientificamente, anche se non possono nemmeno essere negate. Per conoscere e divulgare tali argomentazioni, alcune discipline di studio, hanno preso piede e hanno dimostrato, anche se con metodi diversi da quelli scientifici, che esistono luoghi interiori in cui albergano realtà note solo a chi riesce ad esternarle.  

Ebbene, se le cose stanno così dentro l’uomo, considerando che è egli stesso, parte integrante e imprescindibile dell’universo in cui abita, perché tali realtà non possono esistere in altre parti dello stesso universo?  

Prendendo per buona solo la possibilità che questa sia una delle espressioni naturali, senza implicare atti di fede o di cambiamento di religione, e anche senza senza rinnegare il pensiero scientifico con i suoi assiomi, si possono accettare, almeno come informazione altre realtà, che non possono essere provate scientificamente, ma che per lo stesso motivo non possono essere negate.  A.B.

 

Questo messaggio è stato ottenuto attraverso un contatto telepatico, stabilito oltre i confini dello spazio, da una medium che non riesce ad accettare di esserlo e vuole mantenere l’anonimato. La medium non è in grado di affermare con assoluta certezza che tale “incontro” non sia soltanto frutto della sua mente inconscia, ma non può nemmeno negare l’eventualità, che lei sia stato il mezzo attraverso cui si è manifestata una parte infinitamente piccola, di realtà dimensionali diverse dalla sua.

Per onestà di pensiero e logica di comportamento, lo ha riportato esattamente come lo ha percepito ed in tale modo, noi ve lo offriamo.

 

LA COMPOSIZIONE PLURIPOLIEDRICA DELL'UNIVERSO

Io sono Zhaleph e vengo a distillare gocce di luce che illuminano la Terra e il cuore di chi beve la verità. Io sono Zhaleph e apro i confini dello spazio e della fantasia oltre il limite dell'immaginabile.

Laggiù: oltre la luna di Danton esiste una galassia luminosa, piena di stelle e di soli luminescenti e fiammeggianti, da cui si irradiano energie che nutrono tutto l'Universo animico e materiale.

La luna di Danton è attraversata da sette veli che la celano alla vista di qualsiasi strumento l'uomo possa essere capace di costruire, ma la sua energia vibra più di 1000 soli fiammeggianti e questa energia giunge fino all'uomo, che sa captarla ed utilizzarla per migliorare la vita sul pianeta.

Il suo ciclo è eterno, i suoi confini sono immensi e lentamente attraversa tutto l'universo trascinando nella sua scia pianeti e galassie instancabilmente, fino alla loro totale formazione.

La luna di Danton è la forza creatrice della natura dell'universo. E' lei che regola la vita, è lei che scandisce la morte, è suo il dominio dell'eterno ciclo universale e come una grande madre abbraccia tutto l'universo.

Dietro questa luna primigenia e matrice universale sta nascendo una galassia che permetterà all'universo di rigenerarsi e da questa galassia prenderanno vita nuovi soli, nuovi pianeti e nuovi mondi.

In ordine di tempo è poco più giovane della vostra galassia e ne prenderà il posto quando la via lattea si spegnerà, per estendersi ed espandersi in un'altra zona dell'universo.

Su alcuni di questi nuovi mondi ci sarà vita umana e tutto si manifesterà come all'inizio della Terra, così tutti coloro che non hanno saputo o voluto evolversi avranno la possibilità di tornare per ricominciare daccapo e concludere la propria esistenza. Tutto come milioni di anni fa per continuare l'eterno ciclo.

L'universo è come un grande corpo che si rigenera nelle sue cellule e le cellule morte lasciano il posto alle nuove, più vitali, in un ciclo senza fine. così tutto rientra nell'eterno ciclo del divenire.

Questa galassia non ha ancora nome poiché oggi è come un embrione nel ventre di sua madre e si sta lentamente formando, traendo la sua nuova vita dai soli che muoiono per lasciarle il posto.

Noi da questo momento la chiameremo ARCHENA che significa forza e luce e ARCHENA a sua volta, un giorno potrà dare vita autonoma alle proprie cellule che ora si stanno organizzando per fare posto alla vita umana.

Fra le miriadi di stelle in formazione, ci sarà posto per un pianeta azzurro che non si chiamerà Terra, ma sarà fatto come la Terra e sarà ricco di vita animale e vegetale e l'acqua sarà la fonte di questa vita.

Però ricordate che quando si parla di vita voi vi limitate a pensare alla vita umana o animale, non ad altro, mentre invece tutto l'universo pullula di vita, dal più luminoso sole al più brullo e freddo asteroide. Dalla più grande luna esistente al pianetino più sassoso del cosmo intero.

La vita è energia e l'energia è vita in tutte le sue forme.

Se imparerete e capirete appieno questo concetto, capirete anche che l'energia è amore e che l'amore è il motore dell'universo e chi sa vivere di questo amore non morirà mai perché tornerà nel magma universale per ricostruire se stesso e in parte un po' di quell'universo d'amore da cui tutto ha origine.

Forse un giorno futuro, molto lontano, tornerò a parlare con qualcuno di voi sulla Terra di ARCHENA poiché lì dimorerà nel nuovo ciclo della sua esistenza e se ciò accadrà, certamente potremo riconoscerci nuovamente fratelli, come già ora avviene perché l'uomo sa di non essere solo nell'universo e sa anche che la sua casa è cosmopolita. Ove lui ora posa il piede, altri sono passati ed altri ancora passeranno e così via.

Vai fratello uomo, non temere la fine dei mondi, ma spera che giunga presto il compimento del ciclo lunare di Danton, perché nuove prove ti attendono e tua madre: la luna ti aspetta per riabbracciarti per l'eternità.

Shalom e pace al mondo

ZHALEPH

HOME PAGE

Morte e  pre-morte

Esperienze pre-morte