Mysteria - presenze

Galleria del mistero pag. 1

 

Viaggiare alla ricerca dell’ignoto è qualcosa con cui tutti prima o poi debbono fare i conti.

Non ha importanza se questo viaggio è stato ricercato o ci si è trovati all’incrocio di sentieri sconosciuti, generati da chissà cosa e da quali pulsioni ignote. Quello che conta realmente è che una gran parte dell’umanità, quindi miliardi di persone, credono nella vita oltre la vita materiale. In pratica credono ad una esistenza oltre la dimensione fisica della morte. 

Per questo motivo, ci tengo a precisarvi di essere agnostica e cioè di credere soltanto a ciò che la mia mente razionale mi permette di comprendere. Ne consegue perciò, che sono scettica, ma proprio per questo motivo non posso negare che la mia mente non contempli il tutto, e non sia in grado di percepire o di comprendere ciò che potrebbe far parte della verità assoluta.

Anche qui vi preciso che io personalmente, non credo nella verità assoluta, ma penso che la realtà assuma diverse forme, semplicemente spostando il punto di osservazione. Non mi riferisco soltanto al punto fisico da cui osservo un evento, ma soprattutto dal punto mentale dal quale lo osservo e, il mio punto mentale, prevede la possibilità che io stessa mi sbagli.  

In questo particolare spazio, non voglio entrare nello specifico di una fede, piuttosto che di un’altra, ma offrirvi semplicemente una carrellata di immagini fotografiche, raccolte ormai in un paio di secoli ed esposte in alcuni musei.

Non sono in grado di fornirvi la prova dell’autenticità delle fotografie, ma nemmeno di offrirvi quella del contrario e non basterebbero certo dei semplici giochetti di prestidigitazione, per dimostrarmi che è possibile creare un fantasma finto in laboratorio. Questo lo so da sola, ma dato che le fotografie sono state fatte anni fa e le persone che ne hanno testimoniato l’autenticità sono defunte. Oggi chiunque potrebbe fare un giochetto di questo tipo, ma non su queste foto e perciò ve le offro, con il beneficio del dubbio.

Decidete voi se prenderle o meno in considerazione come? non una verità assoluta, ma: una semplice possibilità.

Le fotografie che trovate in questa prima pagina, sono tutte foto storiche, molto note e di pubblico dominio, si trovano nei musei nella letteratura classica e oggi anche in rete si possono reperire facilmente. Su queste foto ci sono stati ampi dibattiti e grandi discussioni, ma nessuna certezza. 

Noi ve le offriamo con il nostro commento.

Le prime due foto sono esposte in un Museo di Londra

The Ghost in the Stereoscope – questa immagine è stata realizzata circa nel 1850. A detta degli studiosi che l’ hanno presa in considerazione non rappresenterebbe quella di un fantasma, ma quella di una persona che avendo attraversato velocemente lo spazio della posa, ha impressionato in forma apparentemente immateriale, la pellicola, originando il fenomeno che appare. Potrebbe essere vera questa spiegazione, in quanto all’epoca in cui è stata realizzata la fotografia, i tempi di posa erano lunghissimi e una persona che passasse nell’esposizione, potrebbe lasciare una debole traccia, più o meno come quella che si vede nella foto. Infatti sempre secondo gli studiosi, non erano rari gli “incidenti” che provocavano tali tipi di fotografie.

Il lampionaio – anche questa immagine potrebbe essere frutto di uno degli incidenti, come quelli descritti nella didascalia precedente, poiché l’apparente fantasma, potrebbe essere un lampionario, rimasto sulla scala molto meno tempo di quanto non fosse necessario, per ottenere un effetto reale.

Rappresenta l’immagine di un fantasma che sarebbe stato fotografato all’interno del Castello di Issogne in Valle d’Aosta – la foto appare autentica

L’immagine è famosissima, rappresenta un fantasma, (conosciuto anche come “dama bianca”, cioè rappresentazione di essenza femminile), in quanto rivestirebbe un classico dello spiritismo anglosassone, perché appartiene a quella numerosa schiera di fantasmi, di cui si hanno foto simili. – E’ vero che è una foto molto famosa, ma io su questa foto nutro seri dubbi.

vicino a questo bimbo si materializza un fenomeno simile alle foto che troverete nelle prossime pagine, forse questa foto dovrebbe essere esposta nella sezione parapsicologica, sotto la voce di poltergeist, purtroppo anche se credo all’autenticità della fotografia, non sono in grado di dire quale fenomeno preciso si sia verificato, ma propendo per quello che vi ho descritto. Anche in questo caso, secondo la mia opinione e la mia esperienza, è senz’altro un fenomeno fisico, provocato dalla presenza del bambino vivente, non da defunti.

Molte delle immagini che trovate in questa galleria sono state reperite attraverso i media: editori di libri e di riviste, ma anche di siti internet, altre sono giunte attraverso i nostri lettori. Dopo un’accurata ricerca non abbiamo trovato nessun copyright che le mettesse sotto tutela, qual’ora ci fossimo sbagliati, potete segnalarcelo, sarà nostra cura rimuovere le immagini che ci indicherete con dovizia di particolari. Grazie per la collaborazione.

Se avete incontrato episodi nei quali siete riusciti a fotografare qualcosa che può apparire come uno spirito un fantasma, scriveteci e spediteci la/le foto, sarà nostra premura esaminarle e darvi una risposta e se voi sarete d'accordo, anche pubblicarle con le spiegazioni.

HOME PAGE

2

3

4

5

6

7